Rogazione

Spazio aperto di condivisione dal mondo rog a cura di Gaetano Lo Russo

Patologia dell’indispensabilità

Come vivere da Dei senza avere un Olimpo

L’idea madre è quella di considerarsi indispensabili. Dopo di che non ti accorgi che ti sei messo in una gabbia, forse dorata, ma pur  sempre gabbia nella quale, per un effetto paradosso, cerchi di ingabbiare gli altri. In che modo? L’indispensabile, credendosi indispensabile, lo vuole fare credere anche a te. E se tu non ci credi diventa isterico. Allora che fare? Ama l’indispensabile tuo come te stesso, ma stagli alla larga. La vera libertà sta nel non sentirsi indispensabile per niente e per nessuno. Se uno ama le sue gabbie ci restasse chiuso dentro, ma non lasciarti coinvolgere perché muore talmente dalla voglia di farti “suo” che alla fine ti accuserà di irresponsabilità. Non cadere sotto quella scure, dopo aver ingannato se stesso ci prova anche con te. Allontanati! Ne va della tua salute mentale e di quel grande, incommensurabile dono che la natura ci offre, ma alcuni vorrebbero sottrarci: la libertà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 7 giugno 2020 da .

Navigazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: